Close

Bardolino e la festa del vino

Tra fine settembre ed i primi di ottobre nella ridente Bardolino si celebra sua maestà il Vino, con tanto di degustazione e piatti locali ad alto contenuto calorico. Quindi se siete fissati con la linea statene ben alla larga!

Quest’anno ho deciso di provarla e ci ho trascorso un bel fine settimana, dopo il quale rotolavo sui binari dei tram milanesi.

Devo premettere che il lago di Garda in questo periodo è, in pratica, un enorme villaggio turistico tedesco e i veronesi insegnano loro le belle tradizioni venete, quindi preparatevi.

Spritz come se piovesse, tra le strade di questo paesino del lago, passeggiate e aperitivi che come da tradizione locale vanno effettuati prima di pranzo e prima di cena. E figuratevi i tedeschi… Ci vanno a nozze con enorme gioia.

Durante il fine settimana ho pernottato nell’incantevole Locanda Moscal, un posto che vi consiglio vivamente se fate un giro da queste parti, perché, oltre ad essere molto bella e completa di tutti i comfort, mantiene comunque quell’atmosfera di altri tempi e si trova in una piazzetta nel centro storico di Affi in una vecchia locanda ristrutturata.img_1923

 

 

 

img_1921

Oltre alle camere dipinte con colori accesi e violenti, lascerà il segno la magnifica colazione. Salata con formaggi del luogo e dolce con torte fatte in casa da leccarsi i baffi. Io ricordo ancora con tanta nostalgia la superba torta di mele. Mi sono pentita, di non aver provato il ristorante della locanda che prometteva molto bene e che ho scoperto, poi, essere gestito da uno chef stellato… Sarà per la prossima volta!

img_1911

img_1919

Infatti, il mio obiettivo era la festa del vino a Bardolino. Funziona così: si acquista, da uno dei tanti espositori sul lungolago, un calice con la pettorina a 5€ e poi tutte le volte che lo si riempie, da un qualsiasi espositore, si paga 1,80€ e si può scegliere tra Bardolino o Chiaretto.

Insieme al vino ci sono le specialità gastronomiche del luogo, anche queste a piccoli prezzi, e si mangia risotto al radicchio o al basilico, polenta, salsiccia, braciole di maiale, formaggio locale alla piastra e tanto altro.

Dopo la scorpacciata sono andata a nanna alla locanda Moscal e il giorno dopo sono stata per qualche ora nella spa del Poiano Resort. Per le spa si può scegliere, perché il luogo ne è pieno e, se non vi soddisfano quelle vicine, a pochi chilometri c’è Sirmione con le sue terme.

Poi ho fatto un altro giretto alla sagra che è proprio come quelle di una volta. Sana, genuina con i pensionati delle pro-loco che cucinano e servono le pietanze nei piatti di plastica e le famiglie o gli amici che stanno insieme.

img_1933

 

img_1924

La sagra viene proposta due volte l’anno, di solito a maggio per il Chiaretto e ad ottobre per il Bardolino. Tutte le info per le date sono sul sito del Comune di Bardolino.

Io ve la consiglio perché è raro trovare sagre così genuine, perché un giro sul lago di Garda ha sempre il suo perché ed è sempre piacevole.

 

img_1905

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *